Ricette: brownie al cioccolato… con TOFU!

Nonostante il tofu abbia riguadagnato popolarità negli ultimi tempi, molte persone – vegan e non – sono ancora piuttosto scettiche nei confronti di questo misterioso ingrediente a base di soia. 
Di cosa sa? Come si cucina? E’ davvero così terribile? 
Quello che posso dirvi è che il tofu non ha sempre lo stesso sapore, dipende dal brand. Alcuni marchi sono oggettivamente migliori di altri, e se incappate in quello sbagliato, resterete traumatizzati a vita (come era successo a me). 
Oggi siamo qui riuniti per una ricetta che ha dell’incredibile, e che farà ricredere anche i più scettici: i brownie al cioccolato fatti col tofu. Ebbene sì. Avevo un blocchetto di tofu in frigo, ed erano diverse settimane che volevo fare i brownie, ma poi pensavo alle calorie, allo zucchero, alla margarina, al cioccolato… e lasciavo cadere l’idea. Poi l’illuminazione: vediamo se qualcuno ha mai provato con il tofu. E, si sa, chi cerca trova. 

La ricetta originale, che avevo qui linkato, purtroppo non è più accessibile fuori dagli USA (è sul Food Network americano), ma ci tengo a dare il meritato credito a Genius Kitchen. E’ semplice, veloce e vi darà grandi soddisfazioni.
Ve la ripropongo traducendola, perché ho notato che a volte si crea della confusione quando le ricette sono in inglese. Inoltre, ho apportato alcune piccole modifiche, sostanzialmente perché detesto l’olio di colza più di quello di palma, e non capisco perché sia tanto popolare. Detto questo, eccovi la traduzione, con l’opportuna conversione da cups a grammi. 

INGREDIENTI 

– 280 gr tofu al naturale
Potete usare sia il firm – quello solido – o il silken – quello vellutato -, ma a seconda della vostra scelta la texture cambierà leggermente. Se userete il firm avrete una consistenza spugnosa ma compatta, in caso del silken (ve lo caldeggio), avrete la tipica consistenza appiccicosa e umidiccia dei brownie normali. 
– 120 gr farina di vostro gusto (se userete quella di cocco il sapore sarà più esotico)
– 60 gr cacao amaro 
– 220 gr zucchero di canna (o di cocco)
– 1 cucchiaio amido di mais
– 1/2 cucchiaino di lievito per dolci in polvere 
– 1/2 cucchiaino di sale 
– 110 ml olio di semi
– 60 ml latte vegetale a vostra scelta 
– 2 cucchiaini estratto di vaniglia 

PROCEDIMENTO 

In un frullatore (o in un recipiente adatto, se usate quello a immersione) frullate il tofu spezzettato con il latte e l’olio, finché otterrete un composto liscio, spumoso e omogeneo. A questo punto, aggiungete la vaniglia e lo zucchero, e mescolate con una forchetta. 
In una ciotola a parte mischiate farina, cacao, amido di mais, lievito e sale, e una volta mescolati aggiungeteci il composto di tofu ottenuto. Amalgamate bene il tutto (suggerisco l’uso di una spatola in silicone), se come nel mio caso l’impasto risulta troppo secco, aggiungete un ulteriore cucchiaio di olio di semi. 

Oliate una teglia quadrata (la mia è 25×25 cm), o in alternativa foderatela di carta forno, quindi versate l’impasto e appiattitelo-modellatelo con la spatola finché il tutto risulta compatto e uniforme. Infornate a 150°C per 25 minuti, e una volta sfornati, lasciate raffreddare i vostri brownie per almeno 20 minuti prima di procedere col taglio. 

 

Potete servirli caldi con della panna montata vegan o del gelato vegan alla crema, ricoprirli con del semplice zucchero a velo o con del frosting al cioccolato, senza scordare qualche fragola o lampone come guarnizione! 

Ho provato a fare i brownie diverse volte e con diverse ricette, ma questa devo dire che è la migliore fra tutte. La consistenza è semplicemente perfetta. Inoltre la ricetta non richiede l’uso di margarina, e solo un modesto impiego di olio, il che è fantastico. Infatti, anziché sentirmi in colpa dopo averne mangiato uno mi sono sentita leggera e per nulla appesantita. Insomma, dovete provarli! 

Alla prossima!