I miei locali vegan preferiti tra Edimburgo e Glasgow

EdimburgoSiamo in aria di vacanze, e so che molti fra voi hanno il problema opposto al mio, ossia andare in cerca di qualche luogo fresco per sottrarsi alla calura estiva che non dà tregua. 
So che la Scozia si offre come un’appetibile meta agli occhi di molti italiani, soprattutto in agosto, durante il periodo del Fringe Festival, che dura tutto il mese. 

Mi sono quindi detta: perché non condividere con i miei adorati lettori i migliori (a mio avviso) posti vegan che si possono trovare tra Edimburgo e Glasgow? Sì, ci metto dentro anche Glasgow, perché se pianificate una permanenza pari o superiore ai quattro giorni, una salto in quella che definisco “la Milano scozzese”, per dimensioni e vitalità, vale la pena farlo. Anche perché Glasgow detiene saldamente il titolo di “città più vegan friendly del Regno Unito“, quindi perché no? Con il treno sono circa 40 minuti, con il pullman un’oretta, e vi suggerisco quest’ultima opzione nel caso, perché risparmiereste molto (parliamo di £25 di treno contro i 9 del pullman, e vi lasciano entrambi in zone centralissime).
Detto questo, iniziamo!

Una premessa è doverosa: posso tranquillamente affermare che, a grandi linee, sia Edimburgo che Glasgow sono molto vegan friendly, nel senso che se entrerete in una caffetteria, magari sarà difficile che troviate torte e dolci, ma quasi sicuramente troverete bevande calde (es. cappuccino, latte macchiato, matcha latte, etc) che prevedono almeno un’alternativa al latte vaccino. Vale più o meno la stessa cosa per i ristoranti, soprattutto quelli indiani e asiatici, che hanno quasi sempre piatti interamente vegani e molto appetitosi. 

Loudons CafeLoudons Cafè 
94B Fountainbridge, Edinburgh EH3 9QA

Loudons è forse il mio posto preferito in città. Il locale, centrale, a due passi dalla Usher Hall, è molto bello, spazioso e dall’arredamento moderno. Non è un caffè vegan, ma ospita molte opzioni vegan nel suo menu (che viene aggiornato spesso), dalle colazioni, alle bevande, alle torte. Potete chiedere porridge e frullati con latte vegetale, la colazione tradizionale britannica senza uova, hanno perfino i pancake vegan. I prezzi non sono super economici, ma nemmeno proibitivi. Aggiungiamoci che hanno una connessione wifi eccezionale, un’atmosfera rilassata e un personale molto educato e attento. Se pensate di visitarlo e fate parte di un gruppo di più di 3 persone, vi consiglio di prenotare, soprattutto al weekend, perché a me è capitato più volte di dover andare altrove per mancanza di posto. 

the-caffeine-dripThe Caffeine Drip 
10 Melville Pl, Edinburgh EH3 7PR

Adoro The Caffeine Drip. Centrale, ma un po’ nascosto perché non sulla classica Princes Street, si trova dalle parti del Consolato italiano. Il posto offre cucina e prodotti del Sudafrica, (la patria del mio ragazzo, che è stato molto felice della scoperta), il che è interessante, soprattutto per le colazioni e i panini. 3/4 del menu è vegan, e le abbondanti colazioni sono servite fino alle 12pm (1pm nei weekend), dopodiché troverete disponibili solo pranzi e caffè. Si va dalle “uova strapazzate” a base di farina di ceci, ai tipici “avocado on toast”, corredati da altri contorni molto nutrienti (funghi saltati, pomodori, et similia). I burgers, così come le insalate, sono GIGANTI, e davvero gustosissimi. Il menu include anche una folta lista di panini e toast, oltre che di frullati. Uno dei posti migliori di Edimburgo se sei vegan, peccato per i biblici tempi di attesa e i prezzi, che sono parecchio salati, soprattutto per le differenze tra il take away e il sit in. 

Harajuku KitchenHarajuku Kitchen 
10 Gillespie Pl, Edinburgh EH10 4HS

Ubicato nell’elitaria zona di Morningside, Harajuku Kitchen, per me, è il ristorante delle occasioni speciali. Se mi seguite su Instagram, sapete che ho un debole per la cucina giapponese, e quando di solito voglio mangiare qualcosa dal sapore nipponico ma senza spendere troppo, vado da Yo!Sushi, che è una catena, ok, ma ha un Tofu Katsu Curry decisamente stellare. Harajuku è invece gestito da veri giapponesi e la chef, Kaori, sa il fatto suo. Personalmente, Harajuku ha rappresentato la prima volta in cui ho avuto  il piacere di mangiare qualcosa di giapponese preparato da una giapponese… 
I miei consigli, se pensate di prenotare (opzione vivamente caldeggiata, dato che il posto è piccolo e molto gettonato), sono i veggie Gyoza, l’Agedashi Tofu, il Tempura Udon (che non contiene pesce) e soprattutto il Katsu Curry con melanzane in stile Tempura. I prezzi sono quelli da ristorante, quindi niente di particolarmente economico, ma ho visto di peggio. ADORO! 

Holy Cow 
34 Elder St, Edinburgh EH1 3DX

Situato all’uscita della stazione dei bus, Holy Cow è un caffè che ha aperto i battenti non da tantissimo, ma ha già conquistato molti dei cuori vegan qua in città. Il posto è interamente vegan, quindi non dovrete avere paura che vi portino un cappuccino con latte di mucca anziché di soia. Le torte che offrono sono spettacolari, dalla Victoria Sponge alle varie “cheesecake”, e il resto del menu è piuttosto creativo, proponendo il jackfruit al posto del pollo. Il locale è permeato da tranquillità e relax, adatto a un brunch da domenica mattina. Date le ristrette dimensioni, se siete più di 2 persone, vi consiglio di fare una telefonata e riservare un tavolo. 

Glasgow
Glasgow

 

the flying duckThe Flying Duck 
142 Renfield St, Glasgow G2 3AU

Siete mai stati in un pub di quelli birra e rock dal vivo, ma completamente vegan? Bene, se la risposta è “no” e vi trovate in quel di Glasgow, dovete assolutamente recarvi al Flying Duck. Se siete salutisti lasciate perdere, perché qua di salutare non c’è nulla. Questo verace pub scozzese ospita musica dal vivo e dj set praticamente ogni sera, e se volete avere un assaggio della vita notturna di queste parti, una visita è vivamente consigliata. Il cibo è quello classico da pub, così come i prezzi: birra, patatine, burger e hot dog. Tutto vegan. Le patatine saranno ricoperte da formaggio filante vegan, maionese vegan, cetriolini. C’e’ perfino un burger che si chiama Seitan Worshippers, ho detto tutto. DOVETE andarci, è un ordine! 

nippon-kitchenNippon Kitchen 
91 W George St, Glasgow G2 1PB

Torniamo alla cucina giapponese, ma qua in territorio glasvegiano. Questo ristorante è una tappa semifissa ogni volta che mi reco a Glasgow, non solo perché ne apprezzo la cucina, ma soprattutto perché nel momento in cui gli ho detto di essere vegan, mi hanno portato un intero menu completamente vegano, il che è stato magnifico. I prezzi sono nella norma, quindi non vi scoraggeranno dall’avere un meraviglioso Tempura Katsu Curry o un intero vassoio di sushi vegano. Il personale è davvero cortese e simpatico, il posto vanta un arredamento caratteristico ma non troppo, e quando entrate vi accolgono dalla sushi bar con un caloroso “Irasshaimase!”, che significa “benvenuto” in giapponese.
Amo questo posto!  

Spero che questo articolo vi abbia incuriosito o, meglio ancora, vi serva qualora vogliate fare un giro da queste parti. Avrei potuto citare altri posti, come Zizzi e La Favorita (entrambi eccellenti per la pizza, il secondo è italianissimo), Hendersons (che però a me non piace, sono molto costosi e non sanno neppure cucinare per me) o Moon & Hare, ma per quanto apprezzi occasionalmente recarmici, non sono quelli a cui faccio ritorno più spesso. Presto scriverò anche dei miei locali preferiti in quella che è la mia città natale, Milano, quindi stay tuned! 

Alla prossima!