Guida Galattica per Vegetariani: cambiamenti e direzioni nel 2017

Bene, come avevo accennato nel post dei Top & Flop del 2016, il 2017 sarà un anno di cambiamenti per Guida Galattica per Vegetariani. E’ ora di rendere pubbliche le mie decisioni e spiegarvi un po’ come e perché ci sono arrivata. Chi mi segue su Facebook avrà già seguito la vicenda, almeno in parte. Per questo motivo ho deciso di scrivere questo articolo, in modo da rendere le cose più facili per tutti. 

Nel mese di novembre, a seguito dell’ennesimo episodio di maleducazione da social, giunto peraltro in un momento di mia personale intolleranza estrema verso questi mezzi, ho smesso di usare la pagina Facebook, e più o meno di postare anche sul blog. Sono francamente stufa di tutta la negatività che dilaga su internet, dove tutti si sentono in dovere di dire tutto quello che gli passa per la testa, quando dal vivo si morderebbero la lingua un paio di volte prima di insultare qualcuno. Se vedo per strada una persona che a mio parere è vestita male, mica la fermo e le dico “Oh, ma sai che fai proprio schifo vestita così? Dovresti suicidarti!”. E per lo stesso principio non lo faccio su internet. Molti altri, la quasi totalità, sì.
 
Sono cresciuta su internet e ho avuto altri siti, tra cui uno piuttosto importante che mi ha portato tante soddisfazioni. Ai tempi i social non esistevano, e gli unici mezzi di interazione erano le e-mail, il buon vecchio guest book e i forum. Tutti mezzi che richiedevano una registrazione, e che quindi facevano desistere i personaggi polemici dal digitare cose a caso senza pensare alle conseguenze. Infatti, a quanto ricordo, non ho mai ricevuto mezzo commento negativo, e sicuramente nessun insulto. Questo mondo, questo internet “old school”, purtroppo non esiste più.

Il web di oggi ha completamente sdoganato la maleducazione, la saccenza, la prepotenza e l’insulto libero. Io, personalmente, non gradisco nessuna di queste cose, e non sono qui a pagare un dominio e uno spazio ogni anno per beccarmi i giudizi impietosi di sconosciuti che non mi conoscono e non vogliono fare altro che darmi fastidio aggratis. Non parlo di critiche ponderate inerenti agli argomenti di cui scrivo, poiché chi mi segue sa che cerco costantemente il confronto. Magari si trattasse di quello! Quello che mi fa proprio girare le palle sono i giudizi espressi sulla mia persona, che non sono critiche, ma offese, lanciate senza nemmeno sapere io chi sia e cosa faccia della mia vita.
Alla fine della giornata, voi di me cosa sapete? Certo, sapete il mio nome, che sono vegana, più o meno in che stato vivo. Basta. Per scelta personale ho deciso di non parlare granché di me, perché preferisco portare argomenti di interesse generale piuttosto che parlare di chi sono o cosa faccio. Parlo spesso della mia esperienza di vegana, e lo faccio per aiutare chi decide di intraprendere questo percorso, non certo per mettermi in mostra. 

Potrei forse accettare una cosa del genere se almeno dal blog ci guadagnassi qualcosa, qualcosa che mi faccia arrotondare lo stipendio, o che mi consenta di comprare i prodotti che con tanto amore recensisco. Giusto per bilanciare le cose. Ma no, nemmeno quello. E’ un’attività che svolgo in modo completamente gratuito, per la quale ho speso e spendo molte energie, e che porto avanti perché voglio “spargere il verbo” e confrontarmi con gente intelligente. Non per essere messa alla gogna per il mio sarcasmo o ironia. 
La mia domanda è quindi stata: perché devo spendere dei soldi annuali per portare avanti un sito che la gente usa come pretesto per farmi stare male? E’ una ricompensa ingiusta per tutto quello che ho fatto finora, e potete pensare di me quel che volete, ma non lo merito. 

Dopo lunghissime riflessioni, ho quindi deciso tre cose.

Primo: d’ora in poi chiunque voglia commentare i post sul blog dovrà essere registrato su WordPress. Questo significa che dovrete registrare un’e-mail esistente, con dei dati personali, e cliccare sul link di verifica via e-mail per confermare la registrazione. Diversamente, i commenti non saranno più possibili ad opera di autori anonimi o con e-mail campate per aria. 

Secondo: la pagina Facebook non verrà più utilizzata, se non per eventuali collaborazioni. D’ora in poi la condivisione di articoli, i dibattiti e le interazioni fra utenti avverranno sul nuovo gruppo Facebook che ho creato a partire dalla pagina pubblica. A differenza della pagina, il gruppo Facebook avrà specifiche regole per prevenire comportamenti disdicevoli, e qualora non si vogliano accettare o vengano violate, l’utente non farà più parte del gruppo, per sua volontà o mia. 

Terzo: in virtù di quanto detto poco sopra, ho deciso che non rinnoverò lo spazio per Guida Galattica. Questo significa che il blog e tutto il suo contenuto sparirà da internet. Sinceramente non me la sento di pagare una cifra annua fra dominio e hosting per collezionare gente che mi dà della malata egocentrica et similia, tanto più che a me personalmente non porta guadagno. Ho pensato un sacco di volte di monetizzarlo, o di chiedere donazioni minime, ma sinceramente chiedere l’elemosina non è un’attività nelle mie corde, e la monetizzazione sarebbe irrisoria per coprire la spesa annuale che devo sostenere. Niente paura comunque, questo avverrà a luglio, e magari per allora succederà qualcosa che mi farà cambiare idea, chissà. Nel frattempo continuerò a postare articoli, che condividerò nel gruppo di cui sopra. 

Questo è quanto.
Vi ringrazio per aver letto fino qua, ci si vede care carotine!

Alla prossima!